Un gruppo cioè che assuma la leadership del mercato e che punti all’ eccellenza in termini di capacità ed innovazione tecnologica, esperienza sul campo, attrazione e formazione di nuovi talenti, intensa attività di R&D finalizzata allo sviluppo delle più avanzate soluzioni di difesa cibernetica, propulsore di un ecosistema virtuoso che coinvolga università e partner industriali di primario livello.

Il Gruppo Cybaze si è formato negli ultimi 5 mesi attraverso operazioni di M&A che hanno interessato una start up nata un anno fa – Cybsec SpA – una ex start up al giro di boa del suo terzo anno  che sta scalando rapidamente l’interesse del mercato – Yoroi – e due società “storiche” e di grande prestigio dell’arena della cyber security italiana – Emaze e Mediaservice – che hanno due decenni di vita; operazioni che si sono concretizzate nella nascita di una entità con una dimensione estremamente significativa per il mercato italiano : circa 130 dipendenti, uffici a Torino, Milano, Udine, Trieste, Cesena, Roma, Napoli e Benevento, un Soc ed un Defence Center di ultima generazione, un fatturato di gruppo che a fine anno sarà vicino ai 10 milioni e che vede la presenza al suo interno di nomi tra i più noti – se non i più noti – della cyber security italiana e di un Presidente del prestigio di Giulio Terzi di Sant’Agata, ex ministro degli esteri, già ambasciatore a Washington e in Israele, Rappresentante nazionale all’ONU.

Un gruppo che ha attraversato il processo di M&A senza perdere alcuno dei protagonisti e dei fondatori di ognuna delle rispettive società, a partire dai vecchi azionisti che hanno mantenuto partecipazioni significative nelle due holding che ne controllano rispettivamente il 49 ed il 51%. Dimostrando, con la loro permanenza, di credere pienamente nelle potenzialità di questa iniziativa, in un contesto di mercato che mostra evidenti segni di poter diventare esplosivo in termini di aumento del suo valore complessivo e di dinamiche di concentrazione al suo interno.